Notizie

Emergenza Covid

Attività pastorali in presenza

Indicazioni e suggerimenti per catechesi e gruppi giovanili

Redazione
C:\fakepath\coronavirus-congerdesign da pixabay.jpg

Nella situazione precaria e incerta a causa dell’andamento dei contagi da Sars-Cov2, e dei conseguenti decreti che cambiano frequentemente le disposizioni, ci troviamo spesso disorientati circa ciò che è o non è consentito proporre nelle nostre attività pastorali. Desideriamo per questo dare alcune indicazioni o semplici suggerimenti relativi in particolare alle attività di catechesi o di gruppi giovanili parrocchiali. 

Considerato che gli ultimi d.p.c.m. non hanno mai escluso in maniera assoluta la possibilità di svolgere attività formative ed educative per ragazzi in presenza, nemmeno nelle situazioni più restrittive, ci sentiamo tuttavia di SCONSIGLIARE FORTEMENTE le attività in presenza in caso di zona rossa.
Per quanto riguarda il caso di zona arancione e gialla E' POSSIBILE svolgere attività in presenza, solo se saranno adempiute tutte le disposizioni descritte nel documento già pubblicato sul sito diocesano.

Ciò detto - nella consapevolezza che per i percorsi parrocchiali e gli itinerari di fede l’incontro in presenza, quindi la relazione personale, è condizione insostituibile per l’efficacia educativa e formativa - ogni parrocchia o unità pastorale dovrà valutare responsabilmente se vi sono le condizioni che consentono o meno l’adempimento delle misure di sicurezza e contenimento del contagio da Sars-Cov2. 

Qualora non sia possibile attivare incontri di catechesi in presenza, per motivi ragionevoli condivisi con catechisti, educatori e genitori, si cerchi di individuare modalità alternative per continuare l’accompagnamento di bambini e ragazzi nel cammino di fede, come già fatto in questi mesi con dedizione e passione da molti sacerdoti, catechisti e animatori. 

Riportiamo sinteticamente alcune possibilità: 
- la celebrazione eucaristica, eventualmente anche pensata appositamente per alcuni gruppi, rimane consentita dalle normative, ed è un momento fondamentale di incontro e di Grazia;
- la preghiera in famiglia, incentivata da alcuni spunti che possono essere offerti dai catechisti nelle parrocchie o sostenuta dal progetto “Preghiera con la Parola in famiglia” fruibile dal portale diocesano;
- gli incontri on-line, da gestire in modalità brevi e interattive, possono mantenere accesa la relazione e il contatto;
- incontri liturgico-celebrativi possono essere vissuti in presenza, nello spazio della chiesa, per coltivare la dimensione spirituale e comunitaria.

Don Libero Zilia - vicario generale

Don Gianni Grandi - vicario episcopale per la pastorale

Diocesi di Mantova
Diocesi di Mantova