Notizie e approfondimenti

Notizie e approfondimenti

Settimana della Chiesa Mantovana

"Da questo conosceranno che SIETE MIEI DISCEPOLI"

Il vicario per la pastorale ci racconta nel dettaglio l'appuntamento di settembre.

C:\fakepath\logo anno pastorale2019_20.jpg

Si svolgerà dall'8 al 15 settembre la prossima Settimana della Chiesa Mantovana, un evento tradizionale che segna ormai da oltre cinquant’anni l’inizio di ogni nuovo anno pastorale nella nostra diocesi. Il titolo di quest’anno: “Da questo conosceranno che SIETE MIEI DISCEPOLI”. Nel presentare il programma di questa nuova edizione ne abbiamo parlato con il vicario per la pastorale don Gianni Grandi, che ne è il coordinatore.

 

Come è nata la settimana di quest’anno?
La Settimana è nata dal lavoro sinergico degli uffici e dei centri diocesani, avvenuto nella scorsa primavera durante la due giorni residenziale ad Affi. Eravamo tutti concordi nel ridare fiato e prospettiva alla Settimana, che quindi, proprio perché tale, si concretizzerà in una serie di proposte e appuntamenti lungo i sette giorni. Il discernimento comune, guidato dal vescovo Marco, ci ha portati a proporre un cammino di attenzione alla coppia, quale elemento specifico del nostro essere discepoli. Il dato antropologico da cui partire è il desiderio, ancora presente anche in molti giovani, di una unità affettiva stabile. A partire anche da questo dato quindi possiamo immaginare un modo nuovo di costruire la nostra stessa pastorale, che è chiamata a riscoprire il dono del sacramento del matrimonio per l’edificazione stessa della comunità cristiana. 


Ce la racconti in estrema sintesi?
Dopo la celebrazione iniziale nelle messe domenicali parrocchiali, il lunedì sera in Cattedrale, con diretta streaming, una coppia di sposi dell’Ufficio nazionale per la pastorale famigliare ci aiuterà a ragionare insieme sul dono della coppia e del sacramento nuziale. Martedì e mercoledì il tema sarà ripreso con proposte diversificate in punti differenti della diocesi, in particolare con la proiezione di alcuni film nelle Sale della Comunità. Insieme ai film sarà proposto anche un pomeriggio biblico sul profeta Osea nella splendida cornice della Sala dei Cavalli di Palazzo Te. Il mercoledì mattina sarà riservato invece ai preti, alle religiose e ai religiosi presenti in diocesi, che insieme vivranno un momento di studio e di confronto sul tema dell’anno. Alle unità pastorali viene invece dedicata la serata del giovedì, quando i gruppi di ogni unità saranno chiamati a confrontarsi su alcune schede di lavoro che il settimanale “La Cittadella” pubblicherà nella domenica di inizio. Il venerdì sarà invece il momento dedicato ai giovani, con la proposta di un pellegrinaggio notturno in città. La Settimana avrà il suo apice nell’appuntamento in Duomo domenica 15, con la presenza del vescovo Marco, che per l’occasione consegnerà ufficialmente i guadagni della Settimana alla creatività e alla fantasia pastorale delle singole unità. 


Cosa ci si aspetta da questa settimana?
L’obiettivo è sempre quello di ridare fiato al nostro senso di Chiesa, per ripartire, clero e laici con maggiore entusiasmo e per costruire le nostre comunità in questo momento in cui si chiede ai cristiani di essere discepoli missionari. Dentro questo processo svolgono un ruolo sempre più decisivo le unità pastorali, con modalità necessaria per impostare una vera pastorale missionaria e comunionale.


Ogni anno la diocesi elabora anche un logo. Da dove viene quello di quest’anno?
Quello di quest’anno ci è particolarmente caro, in quanto viene dalla sagrestia della nostra Cattedrale: raffigura il volto di Gioacchino e Anna, genitori della vergine Maria. Ci sembra bello che questa immagine di una coppia di sposi possa accompagnare anche i nostri occhi nel non dimenticare che l’amore è sempre qualcosa di concreto e visibile.

Diocesi di Mantova
Diocesi di Mantova