Notizie e approfondimenti

Notizie e approfondimenti

92ª Giornata missionaria

Giovani per il Vangelo

Le nuove generazioni stimolo per la Chiesa

C:\fakepath\Schermata 2018-10-15 alle 12.48.28.png

L’Ottobre missionario è un percorso suddiviso in cinque settimane, iniziato il 24 settembre e che prosegue fino al 28 ottobre. Ogni settimana è dedicata a un aspetto differente: contemplazione, vocazione, annuncio, carità e ringraziamento. Il momento centrale del cammino è la 92ª Giornata missionaria mondiale, prevista per domenica 21 ottobre. Come avviene ogni anno, il Centro missionario della diocesi di Mantova propone tre veglie di preghiera: giovedì 18 nella chiesa di San Giorgio, venerdì 19 nella chiesa di Villa Poma e sabato 20 ottobre in basilica a Castiglione delle Stiviere. Gli appuntamenti, tutti con inizio alle ore 21, si svolgono in località differenti della provincia, per facilitare la partecipazione dei fedeli almeno a un incontro. La veglia di Castiglione delle Stiviere, in particolare, è pensata come un evento diocesano rivolto a tutti i giovani mantovani e sarà presente il vescovo Marco Busca. Non è un caso, visto che è la città natale di san Luigi Gonzaga, patrono mondiale dei giovani di cui ricorre il 450º anniversario della nascita.

La scelta di dedicare l’Ottobre missionario a riflettere sulle nuove generazioni ha una duplice valenza: affermare ancora il ruolo centrale dei giovani nella Chiesa e rilanciare la freschezza dell’impegno missionario, che deve caratterizzare tutti a prescindere dall’età. La metafora biblica attorno a cui ruota la veglia diocesana di Castiglione è quella del tralcio e della vite, descritta nel Vangelo di Giovanni (15,1-11.16-27.26-27): «Io sono la vite vera e il Padre mio è l’agricoltore. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia e ogni tralcio che porta frutto, lo pota, perché porti più frutto. Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me». Il messaggio ritorna in altri momenti della celebrazione: i presenti saranno invitati a riflettere su cosa li spinge ad “attaccarsi” alla vigna, cioè Cristo. In seguito, riceveranno delle frasi tratte dal Vangelo o pronunciate da alcuni testimoni di fede, per mettere in evidenza il frutto di questa adesione a Cristo. Alcuni giovani richiedenti asilo ospitati dalla Caritas di Brescia racconteranno le proprie storie, caratterizzate anche da forti difficoltà e sofferenze.

Al termine dell’incontro, il mandato missionario del vescovo Busca a tutti i presenti, senza alcun vincolo anagrafico. Lo scopo, infatti, è che tutti i battezzati sappiano vivere con uno spirito missionario la loro vita quotidiana. Non è necessario trasferirsi lontano e in Paesi poveri perchè chiunque può trasmettere il messaggio cristiano attraverso il proprio esempio in famiglia, al lavoro, a scuola, con gli amici. Per creare un clima ancora più ecclesiale, alla veglia del 20 ottobre a Castiglione sono state invitate varie realtà diocesane, tra cui Agesci, Azione cattolica e Pastorale giovanile.

Diocesi di Mantova