Parrocchie

Revere

Annunciazione della B.V. Maria

None
Revere sorge sulla riva destra del Po, sulla statale numero 12, a circa 35 km dal capoluogo. Paese di antica origine, le prime tracce della sua esistenza risalgono all'era precristiana e poi al periodo romano. Ma è nel medioevo che si trovano ampi cenni dell'esistenza di Revere e per le guerre combattute fra i capitani delle varie signorie e regioni e per il lungo periodo del dominio dei Gonzaga.
Nel corso di quest'ultimo fu edificato l'attuale Palazzo Ducale, da parte del Fancelli e la torre civica, che rappresentano un vanto storico del paese.
L'attuale chiesa parrocchiale dedicata all'Annunciazione della Beata Vergine sostituisce l'antica chiesa costruita dai carmelitani scalzi della compagnia di Mantova nel 1472. Fu iniziata il 15 aprile 1750 e terminata nel 1775.
La costruzione è opera di diversi e ignoti architetti che operarono alla costruzione di altre chiese parrocchiali del mantovano; la facciata è a doppio ordine con caratteristico coronamento a lunetta. E' in cotto a vista con continui "richiami" a linea tondeggiante e si presenta con una grande mole complessa.
Il campanile risulta sproporzionato rispetto alla chiesa, perché eretto fra il 1604 e il 1607 e armonizzato con l'edificio precedente, più basso e angusto dell'attuale. E' un netto e solido innalzarsi della torre, interrotto solo in prossimità della cella campanaria, da qualche accenno di movimento.
La struttura interna della chiesa è rigorosamente lineare nel suo sviluppo longitudinale. Su ogni lato della navata quattro lesene ne incorniciano tre cappelle, di cui, le centrali più alte e imponenti delle contigue. I quattro spigoli dell'aula sono arrotondati e immettono sui lati corti della concavità della facciata interna e nel complesso presbiterio-abside ritmato anch'esso da lesene singole e appaiate.
Un altro fascio di cornici corre lungo tutto il perimetro; al di sopra di esso si innalzano la volta a botte e il catino absidale, su cui le lesene della navata e del presbiterio continuano assottigliandosi, curvandosi, alternate agli strombi delle finestre.
L'interno della chiesa è ravvivato da pregevoli pale d'altare: l'Annunciazione (1752) di Giuseppe Bazzani, l'Estasi di Santa Teresa di Giacomo Cavedoni di Sassuolo, lo Sposalizio della Beata Vergine Maria e l'Angelo Custode con bambino di Giuseppe Milani da Cesena.
Il P. Brambilla, carmelitano (+1771), eseguì personalmente con l'aiuto dei pittori milanesi Antonio Maianno e Antonio Vaccari la decorazione della volta e delle lesene delle navate. Alla sua morte vennero affidati gli affreschi del presbiterio e delle due cappelle maggiori al pittore Piucchetti da Lugano. Le decorazioni delle quattro cappelle minori sono opera del pittore Antonio Accorsi e Ilario Cremonese. Di Giuseppe Milani sono i tre grandi medaglioni della volta: Elia che implora la pioggia da Dio, la Beata Vergine che porge lo scapolare a S. Simone Stok, la Gloria di S. Alberto. Nel presbiterio si trovano edicole del Piucchetti l'Immacolata Concezione e Angeli, l'Adorazione dei pastori, il grande drappo sorretto dagli angeli che circonda l'Annunciazione del Bazzani

Unità pastorale 2 Vicariato foraneo "Madonna della Comuna"

PARROCO

Don Renato Menegazzo

INDIRIZZO

Via don E. Leoni, 1 46036 REVERE

TELEFONO

0386/46009

Orari delle Messe

Lunedì: 09:00
Mercoledì: 16:00 (Casa di riposo)
Venerdì: 09:00
Sabato: 17:30 (a Zello - in estate ore 18)
Domenica: 11:00
Diocesi di Mantova