Parrocchie

Schivenoglia

S. Francesco d'Assisi

C:\fakepath\chiesa schivenoglia.jpg

Unità pastorale "Dei Dossi"

Vicariato foraneo "Madonna della Comuna"

La parrocchia di Schivenoglia si estende e si perde nella immensa vallata del Po, in quella che un tempo remoto era chiamata l'isola di Revere. Dista a pochi km dalla riva destra del più grande fiume d'Italia. Confina con il Comune di Quistello, Quingentole, Pieve di Coriano, il Comune di Villa Poma e di S. Giovanni del Dosso. La popolazione è prevalentemente rurale. La chiesa nasce, inizialmente, come oratorio, di borgata, nel 1487, con l'aspirazione a diventare chiesa parrocchiale. Infatti Schivenoglia faceva parte, a quei tempi, della parrocchia di S.Giovanni del Dosso, una delle antiche pievi della zona. L'istituzione della nuova parrocchia avverrà quasi subito, nel 1491, ma gli schivenogliesi dovranno attendere fino al 1575 per avere il primo parroco ufficialmente nominato. Per la nomina del loro parroco gli schivenogliesi si avvalsero, fino al 1982, quando vi rinunciarono, di un antico istituto giuridico chiamatoiuspatronatum. Il diritto, cioè, di scegliere il proprio parroco. 

Il piccolo Oratorio iniziale, con l'aumento progressivo della popolazione, andò via via sviluppandosi nel tempo fino ad assumere la forma architettonica attuale di una chiesa a pianta basilicale con facciata stile austero e semplice. La chiesa parrocchiale è dedicata fin dall'esordio a S. Francesco d'Assisi, rappresentato in estasi, nella pala centrale del presbiterio. L'opera è del pittore Lanfranco Frigeri. Dopo i restauri del 2003 e quelli del post terremoto del 2014, la chiesa si presenta nel suo aspetto decoroso e lineare ed evidenzia, pur essendo una chiesa di campagna, il pregio di essere una costruzione ben compaginata e armonica. 

Accanto alla Chiesa parrocchiale la caratteristica torrecampanile, che caratterizza il paese per la sua peculiarità:la possanza della torre e la leggiadria della lanterna. E' lui, il campanile, che fa da padrone di casa per chi viene a visitare il piccolo borgo! 

La chiesa parrocchiale, in onore del suo pittore nativo, lo Schivenoglia(pittore mantovano nel '700 che volle fregiarsi del nome del suo paese), vanta due sue tele recentemente acquistate: il transito di S. Francesco d'Assisi e il compianto, sul Cristo morto, della Vergine.

Nel territorio della parrocchia va, inoltre, segnalato l'Oratorio di Brazzuolo,che risale al 1600, dedicato alla Vergine Incoronata. La località in cui è posto l'antico sacello(di recente restaurato) è una di quelle che troviamo, perchè luogo di confine tra il mantovano e il reggiano, riportata negli antichi documenti che parlano del paese. 

La parrocchia di Schivenoglia completamente immersa nel verde dei campi, a contatto diretto con la natura, lontana, quasi isolata da strade di grande traffico, può rappresentare un'oasi di silenzio e di meditazione che ricrea lo spirito e ridimensiona l'eccesso di azione. Con le sue antiche e caratteristiche fattorie, la Rangona e il Dall'Acquae altre ancora, il paese testimonia anche l'operosità dei suoi abitanti che amano la terra, la lavorano con passione e trovano in essa modo di rasserenare il loro spirito, e anche, di schivare la noia. 

PARROCO

Don Paolo Azzini

Don Jury Marinelli

Don Elio Santini

INDIRIZZO

Via Matteotti, 33 46020 SCHIVENOGLIA

TELEFONO

0386/58147

Orari delle Messe

Martedì: 09:30 (Parrocchia)
Giovedì: 09:30
Sabato: 18:00
Domenica: 09:45
Diocesi di Mantova