Visita pastorale

Unità pastorale "Dello Zara"

C:\fakepath\Mappa-S.Anselmo-S.Benedetto-UP1.png

L'unità pastorale “dello Zara”, che fa parte del vicariato foraneo di S. Anselmo, è costituita dalle parrocchie che si trovano nei comuni di Motteggiana e di Suzzara: Brusatasso (San Michele Arcangelo), Motteggiana (San Girolamo), Riva (San Colombano), Sailetto (San Leone Magno), San Prospero, che prende il nome dal patrono della parrocchiale, Suzzara (Immacolata Concezione e Sacra Famiglia), Tabellano (San Nicola), Torricella (San Benedetto) e Villa Saviola (San Michele Arcangelo).

L'unità, situata nell'Oltrepo mantovano, prende il nome dal piccolo corso d'acqua, lo Zara, che insieme al Po e al Po Vecchio segnano la storia e la toponomastica dei luoghi. L'area era certamente abitata da comunità cristiane sin dall'epoca carolingia e già dal 1200 sono documentate le chiese di tutte le frazioni suzzaresi, dette “cappellanie”, delle quali faceva parte pure Cizzolo (ora in comune di Viadana) che dipendevano dall'arciprete. Per quanto riguarda invece le parrocchie nel comune di Motteggiana, esse si trovavano sotto l'influenza del monastero benedettino del Polirone. 

Anticamente l'area era paludosa e malsana, ma nel corso dei secoli è stata trasformata dal lavoro di bonifica in un territorio fertile dove predomina l'allevamento bovino per la produzione del formaggio Parmigiano Reggiano. Tuttavia l'area si caratterizza per essere stata teatro di una precoce industrializzazione, che ha prodotto grandi trasformazioni sia del territorio sia dal punto di vista demografico e sociale. 

Oggi il territorio presenta un forte pluralismo religioso: sono presenti comunità musulmane provenienti da diverse aree geografiche e una numerosa comunità sikh e indù. Sorgono grandi industrie del settore metalmeccanico, come Iveco e Bondioli e Pavesi, che con le numerose attività dell'indotto occupano migliaia di lavoratori. Ben rappresentato è inoltre il settore dell'industria del freddo.  

Altra importante componente della vita civile è data dalle scuole: l'Istituto Superiore Statale “A. Manzoni” accoglie quasi un migliaio di studenti che frequentano i licei o l'istituto tecnico economico (in parte ospitato nel cosiddetto “Conventino”, ciò che rimane del cenobio dei Domenicani a Suzzara) e la Scuola di Arti e Mestieri fondata nel 1877, che dalla sua nascita ha sempre favorito il rapporto fra la formazione scolastica e il mondo delle imprese locali.

Le numerose associazioni di volontariato di cui è ricco il territorio vedono la partecipazione e l’impegno di molti laici cristiani. 

La Chiesa che vive in questa complessa e vivace realtà tenta di testimoniare il Vangelo prestando attenzione sia alla formazione dei giovani, con le attività del catechismo e dell'oratorio, sia alle esigenze sociali, in special modo attraverso l'Associazione San Lorenzo Onlus, parte della Caritas diocesana, che gestisce un punto di ascolto, l'emporio solidale “Lo Snodo”, la mensa e un servizio di docce per i bisognosi. 

Infine, importante è anche l'attenzione agli ammalati, di cui un esempio è la Cappellania dell'Ospedale di Suzzara, nonché l'attività del gruppo dei ministri straordinari dell'Eucaristia, che esprimono la prossimità dei cristiani agli anziani e ai sofferenti.  



Diocesi di Mantova